Francobollitematici.it
Home   Login   Categorie   Vendi   Cerca   Gestione   Collezioni   Articoli  
  Home <<< Articoli

Tariffe e affrancature sui giornali d'epoca

Franco Moscadelli - 07.11.2007

     I primi francobolli per giornali cominciarono ad essere usati il 1° gennaio 1851 nei territoridel Regno Lombardo Veneto per le spedizioni all’interno di tutto l’Impero Austriaco. Questispeciali “contrassegni adesivi” non erano in vendita ai privati, ma venivano unicamente forniti aisoli editori per giornali, (decr.12 novembre 1850). Per il Lombardo Veneto non furono fatte emissionispeciali di francobolli per giornali, ma vennero adoperati per tale uso i francobolli per giornalid’Austria. Anche nei territori del Ducato di Modena a partire dal 1° febbraio 1853 furono adottatemisure “poliziesche” di natura fiscale riguardanti i giornali provenienti dall’estero.

4 dicembre 1855 Osservatore Triestino
Giornale Osservatore Triestino del 4 Dicembre 1855 affrancato con il 9 Centesimi violetto grigio del Ducato di Modena del 1853, con le lettere B.G. più piccole e il punto dopo la cifra. Come in questo caso i segnatasse erano di origine fiscale e venivano applicati sui giornali esteri che entravano nel Ducato. Dal 1° febbraio al 31 marzo 1853, cioè nei due mesi che precedettero la prima emissione dei segnatasse per giornali, la tassa veniva riscossa apponendo un bollo a doppio cerchio del diametro di 25 mm recante le diciture: Stati Estensi - Gazzette Estere - Cent. 9.

Ottobre 1857 Osservatore Triestino
Giornale Osservatore Triestino edito a Trieste (Lombardo Veneto) dell'ottobre 1857 con applicata la tassa Toscana in arrivo da 2 soldi tramite l'applicazione del segnatasse per giornali del 1854, impresso a mano in colore nero su carta sottile, giallastra e semitrasparente. Questo segnatasse non veniva mai annullato.

      In attesa dell’emissione delle marche fiscali, la tassa veniva rappresentata da impronte impresse con tamponi “ad umido” nei frontespizi. Venne emessa la marca per giornali da 9 centesimi - con la disposizione del ministro delle finanze in data 16 marzo 1853 - con le iniziali B.G. (bollo gazzette) stampate in nero su carta colorata viola grigio in pasta.
     Anche nel Ducato di Parma viene usato un bollo a doppio cerchio, Gazzette estere e cent. 9 prima dell’emissione delle marche per giornali.
     Il Regno di Sardegna il 1° gennaio 1861 emette dei francobolli per le stampe (decr. 4466 del 26 settembre 1860) con la caratteristica della cifra del valore impressa a secco in rilievo.
     La Toscana iniziò l’uso delle “marche per giornali” il 1° ottobre 1854 (decr. del 21 agosto 1854) con un semplice bollo a doppio cerchio Bollo straordinario per le Poste-2 Soldi impresso a mano su carta sottile e semitrasparente usato soltanto per pochi mesi.

21 gennaio 1879 Monitore
Caselle in Pittari (Sa) 21 Gennaio 1879 - Fascetta completa sul Monitore con francobollo di servizio del 1878 soprastampato 2 cent.mi su 0,05 da Napoli per Sanza.

11 aprile 1855 Gazzetta Piemontese
Giornale la Gazzetta Piemontese dell'11 aprile 1855 con segnatasse per giornali da 2 Kr. verde d'Austria, 1° sottotipo, annullato con il bollo spedizioniere J.R.-Spediz-Milano.
Questo segnatasse per giornali, emesso il 1° marzo 1853 fu l'unico adoperato nel Lombrado Veneto fino al 1858.

      Nell’ottocento le tasse postali per gli stampati erano molto contenute per favorire la cultura ed erano obbligatoriamente anticipate in francobolli o mediante l’applicazione del bollo “Periodici franchi C.mi 1” e simili.
     La tariffa per giornali e stampe periodiche spedite direttamente da editori e sindaci era di 1 cent. per ogni porto di 40 g., dal 1874 50 g. .

6 marzo 1862 Unità Italiana
Giornale quotidiano Unità Italiana edito a Genova, del 6 marzo 1872, affrancato con 1 Centesimo, cifra verde De La Rue, dell'emissione del 1° dicembre 1863 avente la rarissima varietà dell'annullamento in fase di stampa.

15 agosto 1860 Gazzetta Delle Campagne
Giornale la Gazzetta Delle Campagne edito a Firenze. Rara copia del numero uno, anno primo, del 10 agosto 1860 affrancato sotto fascia con 1 centesimo violetto bruno dell'emissione del 1 gennaio 1860, isolato in tariffa, annullato Firenze 15 agosto 1860, in governo di Toscana sotto la luogotenenza di Eugenio di Savoia Carignano (23 marzo 1860 - 13 febbraio 1861). Impronta di arrivo a Milano 16 agosto e Bergamo del 17 agosto 1860.

      Per le stampe non periodiche o spedite di seconda mano 2 cent. fi no al 1912. Dal 1874 viene introdotto il pagamento in tariffa ridotta, che diventa l’unico a partire dal 1889 di cui nel 900 ne usufruiranno anche i listini commerciali e le stampe propagandistiche.

 Articolo letto ... 5233 volte

Ottimizzato per IE10. Il tuo indirizzo IP e' 3.92.74.105   Webmaster   Leggi il Regolamento e la Cookie Policy