Francobollitematici.it
Home   Login   Categorie   Vendi   Cerca   Gestione   Collezioni   Articoli  

La Geotermia

  Home <<< Articoli <<< Piero Gironi Conti il pioniere della geotermia

Piero Gironi Conti pioniere dell'energia geotermica

Clemens M. Brandstetter - 25.05.2024

     Il piccolo Piero nasce a Firenze il 3 giugno 1865. Figlio di Gino Ginori Conti e Paolina Fabbri, può vantare un'ascendenza aristocratica, come Principe di Trevignano, il mondo era aperto a lui e Piero colse le opportunità che gli venivano offerte. Nel 1871 viene fondato a Firenze l'Istituto Cesare Alfieri, una scuola quadri destinata a formare una nuova generazione di dirigenti. La scuola si ispira all'Ecole Libre des Sciences Politique di Parigi e alla Manchester School, che mira a creare un legame tra amministrazione e diplomazia per portare le competenze professionali nell'arena diplomatica. La vita di Piero Ginori Conti è stata preannunciata dalla sua formazione. A 29 anni, nel 1894, sposò Adriana di Larderel, figlia del conte di Montecerboli. I conti giunsero a Livorno dopo la Rivoluzione francese e tentarono la fortuna con la commercializzazione di prodotti a base di acido borico. I conti erano anche attivi politicamente. La famiglia si arricchì, ma nel settore dell'acido borico c'era la concorrenza degli Stati Uniti.

geotermia
Lettera della Società Boracifera di Larderello spedita al Principe Piero Ginori Conti.

geotermia geotermia
1904 2004 Centenario dell'industria geotermoelettrica. I soffioni di Larderello.

     Grazie alla sua solida formazione, nel 1904 la direzione dell'azienda fu affidata al genero Piero Ginori Conti. Voleva migliorare la produzione e mantenere i prezzi competitivi. E volle creare un secondo pilastro: la produzione di elettricità con l'aiuto di geyser a vapore secco. Nel luglio 1904, si accendono cinque lampadine: l'elettricità è fornita da una dinamo alimentata da un motore a vapore alternativo. Nel 1912 succede al suocero come azionista di maggioranza dell'azienda di famiglia e nel 1914 commissiona la prima centrale geotermica a Larderello con un'unità a tre turbine. Riesce ad acquistare le aziende concorrenti che commercializzano acido borico e a fonderle in un'unica società: Società di Boracifera di Larderello, che produce 500 kg di acido borico al giorno. Nel 1916 fornisce energia elettrica alle vicine città di Volterra e Pomarance.

geotermia
Lettera spedita da Pomarance al Senatore del Regno Principe Piero Ginori Conti.

     La fine della Prima Guerra Mondiale e il dopoguerra portano disordini sociali. La produzione di energia elettrica viene sospesa a causa di ripetute interruzioni del lavoro. Nei mesi di maggio e giugno 1920, i lavoratori scioperano per un mese, causando il licenziamento di 400 dipendenti. Le prestazioni sociali vengono congelate: l'assistenza sanitaria non è più gratuita, non c'è più il pagamento del salario in caso di malattia e gli appartamenti aziendali devono essere affittati.

Duce
La famiglia Ginori Conti sostiene l'ascesa di Mussolini.
1932 Italia L.0,50 X anniversario Marcia su Roma.

     La situazione si calma solo dopo la nomina di Benito Mussolini a Primo Ministro, in seguito alla Marcia su Roma dell'ottobre 1922. Gli scioperi sono vietati, l'opposizione politica è sconfitta e la popolazione vive in una dittatura a partito unico. Le famiglie Conti e Larderel sostengono l'ascesa del Duce. Conti era stato deputato della città di Volterra dal 1896 e senatore del Regno d'Italia dal 1919, poi rappresentato in azienda dai due figli Giovanni e Federigo, fu un convinto sostenitore del Duce.

Treno
Le Ferrovie del Regno d'Italia acquistano la Società Boracifera.
1939 Italia c.20 Centenario delle Ferrovie.

     Nel 1939 Ginori Conti per salvare dal fallimento la Boracifera di Larderello, visti i cali dei consumi privati conseguenti alla crisi economica, accetta che la Società Boracifera passi definitivamente nelle mani di Ferrovie dello Stato.
Anche quando le Ferrovie dello Stato lo licenziarono dalla sua azienda, dichiarò il suo sostegno a Mussolini e al fascismo.

regione Amiata geotermia
2006 Italia Eur. 0,45 Toscana. 1985 Italia L.450 Monte Amiata. 2014 Italia Eur.0,70 Energia Geotermica.

     Due placche terrestri si scontrano in Toscana: la placca eurasiatica viene premuta contro quella africana. La crosta terrestre si frantuma e la roccia liquida può penetrare in superficie. Il sottosuolo si riscalda, creando lagoni, sorgenti di acqua calda e soffioni, bocche di vapore caldo o geyser. Il punto più alto della zona è un vulcano spento: il Monte Amiata (1.738 metri), dove fu costruita l'Abbazzia di San Salvatore.

Etruschi
1971 San Marino L.50 Ceramica Etrusca decorata.

     Già gli Etruschi utilizzavano depositi di acido borico per produrre decorazioni a smalto sulle loro ceramiche.
L'azienda SAIVO di Firenze ha prodotto vetreria di alta qualità tra il 1928 e il 1987. Questa azienda era stata preceduta nel 1928 dall'Istituto Boro-Silicio (Società anonima per l'esercizio di un Istituto sperimentale per lo studio e l'applicazione del Boro e del Silicio) avviato da Piero Ginori Conti. L'Italia voleva diventare autonoma nel settore del vetro ottico, un materiale richiesto dalle forze armate, ma l'Istituto era poco attrezzato e questo portò alla fondazione della società Saivo con la successiva acquisizione di attrezzature tecniche.

Saivo
1985 Firenze L.450 affrancatura meccanica della SAIVO S.p.A.

     I Romani utilizzavano l'acqua calda per il riscaldamento e il bagno e i loro ingegnosi sistemi ci stupiscono ancora oggi. Nel Medioevo si estraevano zolfo, vetriolo e allume e per queste materie prime si combattevano guerre. Franz Hubert Hoefer arrivò in Toscana nel 1765 e lavorò come farmacista e chimico; nel 1777 scoprì l'acido borico nella regione geotermicamente attiva dell'Italia centrale. A partire dal 1812, l'acido borico fu prodotto a livello industriale: l'acqua dei lagoni, ricca di minerali, veniva vaporizzata in contenitori metallici riscaldati. Francois Larderel raggiunse la svolta nell'estrazione nel 1827 quando sostituì la cottura a legna con il vapore caldo, creando così un'industria che portò prosperità alla regione fino all'inizio della Seconda Guerra Mondiale. A partire dagli anni '30, la domanda di energia aumentò rapidamente: nel 1992 le centrali elettriche installate generavano 630 MW.

geotermica geotermica geotermica
Il ciclo dell'energia geotermica.

     In linea di principio, si genera un ciclo: il vapore caldo e l'acqua calda provenienti dal sottosuolo azionano le turbine; una volta raffreddata, l'acqua viene reimmessa. Non si tratta di un flusso casuale come l'elettricità prodotta dalle turbine eoliche o dal fotovoltaico. I sistemi geotermi possono quindi produrre elettricità di base e immetterla nella rete elettrica europea. A livello mondiale, circa 13 GW provengono dall'energia geotermica.

Energia geotermica
1983 Portogallo Azzorre 37,50 Geotermia.

geotermica geotermica geotermica
Centrali geotermiche.

     Nel 2015 è stata lanciata a Parigi la Global Geothermal Alliance (GGA), in coordinamento con le Nazioni Unite, per incoraggiare i paesi che dispongono di energia geotermica a utilizzare questa risorsa rinnovabile attraverso varie misure per accelerare la transizione energetica:
sostegno su misura per le regioni e i Paesi con potenziale di mercato geotermico per attrarre investimenti nella geotermia;
facilitare la condivisione delle conoscenze e delle esperienze;
identificare e promuovere modelli di condivisione dei rischi e di mitigazione, integrare gli asset geotermici nei mercati energetici;
razionalizzare le attività di sensibilizzazione per dare alla geotermia maggiore visibilità nei dibattiti sull'energia e sul clima.

GGA
Cartolina maximum del francobollo Azzorre 37,50: Geotermia.
su su
 Articolo letto ... 187 volte

Il tuo indirizzo IP 44.222.64.76   Webmaster   Leggi il Regolamento e la Cookie Policy